Primo maggio: una data per le vittime del comunismo

Primo maggio: una data per le vittime del comunismo?

Adattamento e traduzione dell'articolo originale da www.washingtonpost.com di Ilya Somin

Oggi è il primo maggio. Dal 2007, ho difeso l'idea di utilizzare questa data come Giornata Internazionale delle Vittime del comunismo.

Ho delineato la logica di questa proposta nel mio primo articolo: Il primo maggio è iniziato come una festa per i socialisti e gli attivisti sindacali, non solo i comunisti. Ma nel corso del tempo, la data è stata rilevata strumentalmente da parte dell'Unione Sovietica e di altri regimi comunisti e utilizzata come mezzo di propaganda a favore della loro auturità. Suggerisco invece che da noi in occidente si inizi a celebrare il primo maggio come una giornata per commemorare le vittime dei regimi comunisti. L'autorevole libro nero del comunismo stima un totale tra 80 e 100 milioni di morti. [Il comunismo in cifre]

Il comunismo è di gran lunga il regime più sanguinario e ha provocato un numero maggiore di vittime di tutte le altre tirannie del XX secolo. E' necessario istituire un Giorno della Memoria per ricordare le vittime del comunismo, e il Primo maggio è il giorno più adatto allo scopo. Istituire una giornata per il ricordo delle vittime del comunismo, è un imperativo morale con diverse finalità

  1. Ricordare le vittime della più grande carneficina politica della storia
  2. Far luce sulle verità storiche, sui persecutori (nessuno di questi, a differenza dei nazisti, è mai stato giudicato da un tribunale)
  3. Vigilare sui paesi in cui è ancora attiva la persecuzione di stampo comunista.
  4. Vigilare che queste cose non accadano più e che la propaganda marxista (tuttora attiva anche in occidente) venga smascherata.

Proprio come giorno della memoria dell'Olocausto e di altri eventi simili ci aiutano sensibilizzare sui pericoli del razzismo, l'antisemitismo e nazionalismo radicale, così, il giorno in ricordo delle vittime del comunismo può aumentare la consapevolezza nei pericoli insiti nei governi totalitari di sinistra e in tutte le forme di governo che pretendono di controllare la società civile e la libera economia di mercato. Purtroppo, recenti tendenze politiche mostrano che quest'anno è un momento particolarmente importante per gli americani, in particolare, per ricordare i crimini del comunismo.

Donal Trump, front-runner per la nomination presidenziale ha elogiato la leadership autoritaria di ex colonnello del KGB Vladimir Putin e la "forza" mostrata dai comunisti cinesi quando hanno massacrato migliaia di studenti in piazza Tiananmen .

Un candidato di primo piano nel altra parte, il socialista Bernie Sanders ha esaltato le presunte virtù dei regimi comunisti brutali di Cuba e Nicaragua , tra cui anche le loro file per il pane, l'indottrinamento ideologico, e la censura dei mezzi di comunicazione.

La situazione negli Stati Uniti non è così male, al contrario della Russsia dove il regime dell'ex colonnello del KGB, Vladimir Putin sta cercando di cancellare la memoria degli orrori commessi dai comunisti. Ma il fatto che le persone che dicono queste cose possano essere seri contendenti per la presidenza è comunque inquietante.

In un periodo successivo al 2012 , ho spiegato perché il primo maggio è una data migliore per la giornata delle vittime del comunismo rispetto alle alternative disponibili, come ad esempio 7 novembre (anniversario della presa del potere dei bolscevichi in Russia) e il 23 agosto (l'anniversario del patto dei Nazisti coi Sovietici).

Ho anche affrontato varie possibili obiezioni, compresi i crediti che la data dovrebbe essere riservato per la celebrazione dei sindacati. Tuttavia, come ho sottolineato in precedenza, sarei felice di sostenere una data diversa, se attorno a questa data fosse più facile costruire un. Se si sceglie un'altra data, preferirei 7 novembre - non perché la Russia sia il luogo dei più grandi crimini comunisti (il regime di Mao in Cina ha ucciso ancora più persone che l'Unione Sovietica Mao: il più grande assassino della storia), ma perché l'esperimento sovietico è stato il modello principale per tutte le dittature comuniste venute dopo. Non dobbiamo dimenticare le decine di milioni di vittime del comunismo - sia per il loro bene e per il nostro.

Ilya Somin è professore di diritto presso la George Mason University. La sua ricerca si concentra sul diritto costituzionale, diritto di proprietà, e partecipazione politica popolare.

Adattamento e traduzione dell'articolo originale da https://www.washingtonpost.com/ di Ilya Somin

Tags: KGB, Vittime del comunismo

propaganda comunista
clima culturale