Medici cubani alla fame

Medici cubani alla fame

Cuba (supportata dalla propaganda comunista in occidente) si è sempre vantata di avere uno dei migliori sistemi sanitari al mondo. Questo pero' non ha fermato i medici cubani dal cercare di lasciare l'isola di Fidel, abbandonando la loro carriera e cercando i mezzi di sussistenza in altri settori. Il motivo principale per il quale i medici cubani emigrano in massa è facile da spiegare: mancanza di incentivi. Fare il medico a Cuba è un lavoro molto impegnativo e mal retribuito. A questo si aggiungono le restrizioni e le regolamentazioni imposte dal regime comunista alla classe medica. Sono necessari permessi speciali per lasciare il paese, pena il carcere.

Dopo la rivoluzione del 1959, il Partito Comunista di Cuba ha vietato l'impresa privata e ha stabilito i prezzi, gli stipendi e ogni altro aspetto della vita pubblica. Il governo comunista ha anche assorbito il sistema sanitario del paese, rendendo tutti i dipendenti medici statali.

Gli stipendi dei medici sono di circa $ 40-50 al mese medici ($ 10-20 dollari al mese in più rispetto alla media cubana). Ma i lunghi orari e le condizioni di stress sono ben altra cosa rispetto agli altri "lavori" statali.

In ogni caso, con l'aumento dei prezzi a Cuba, $ 40- $ 50 al mese non bastano per una vita confortevole. Ecco perché la maggior parte dei medici hanno preso un secondo lavoro o hanno abbandonato del tutto la professione medica a favore di un posto di lavoro settore privato o nel mercato nero. Essere un medico garantisce prestigio, ma pagare le bollette è più importante. A l'Avana si possono incontrare numerosi tassisti, cuochi, e venditori ambulanti che una volta erano medici.

Prendiamo ad esempio Clara, badante della madre anziana del mio vicino. Una donna allegra alla soglia dei 60 anni, Clara mi ha detto che era stata una dentista per molti anni, ma essendo malpagata aveva abbandonato il lavoro per fare la badante. Clara ha a carico sua madre, alla quale è stata diagnosticata la demenza senile. Lo stipendio da dentista non era sufficiente a mantenere una sola persona, figuriamoci per due. Fare la badante non è certo il mestiere più retribuiti ma è comunque meglio retribuito di un dentista e permette a Clara di usufruire di maggiori risorse e di un orario flessibile di cui ha bisogno per prendersi cura di sua madre.

Per un medico cubano, intraprendere un'altra professione è normale, mi ha detto.

"Conosco dei dei medici che hanno lasciato la professione per mettersi a fare torte casalinghe. Si può vendere una torta per 10 o 15 pesos. Quindi, se si fanno due torte al giorno, è preferibile a un lavoro dalle nove alle cinque in cui si è sotto pressione e dove non è possibile guadagnarsi da vivere."

La crescita del settore privato di Cuba ha permesso a molti di lasciare il loro lavoro con lo Stato cubano e passare a posti di lavoro che pagano in pesos cubani convertibili (CUC) -la moneta convertibile- che vale circa un dollaro. Purtroppo, è consentito solo un numero limitato di posti di lavoro del settore privato: alla guida di un taxi, affittare un appartamento, gestire un ristorante, e lavori di parrucchiere, per esempio.

Una persona che ha beneficiato di una tale mossa è Rosy, una delle mie vicine. Rosy è stata un medico per 24 anni, ma ora affitta il suo appartamento ai turisti. Rosy mi ha spiegato che lei aveva lasciato soprattutto perché il suo salario, in pesos cubani (CUP), era troppo basso. Affittando suo appartamento, Rosy fa una media di $ 20- $ 30 a notte.

Rosy ha infine deciso di lasciare il lavoro dopo essere stata inviata in una missione medico di un anno in Angola.Cuba è nota per l'invio di medici per i paesi in via di sviluppo. Questi medici vengono inviati da Cuba a fare lavoro sociale, di solito per altri paesi socialisti come il Venezuela, la Bolivia, l'Ecuador e il Nicaragua."In un solo anno in Angola, ho fatto di più di quello che ho fatto in 24 anni," ha detto. Ciò che l'ha delusa di più è stato il fatto che il governo non le ha pagato tutti i soldi che avrebbe dovuto guadagnare: "In tutto l'anno lì, ho maturato un quarto di milione di dollari. Lo so perché ho dovuto registrare ogni procedura che ho fatto perché venivo pagata a seconda di quello che facevo. Ma non ho ricevuto la somma di denaro corrispondente al mio lavoro. Ho ricevuto solo il dieci per cento di ogni procedura. Da quel quarto di milione, ho ricevuto solo $ 450 al mese." Vedendo quanto lei avrebbe potuto guadagnare in un anno e quanto del suo denaro è stato trattenuto dal Partito Comunista Cubano, ha deciso di smettere.

Rosy mi ha anche detto che dai medici cubani ci si aspetta che siano dei buoni samaritani. "Se un vicino di casa ti dice di si prega di controllare il suo bambino malato non è possibile farsi pagare . Deve essere gratis. E se uno si rifiuta, i cittadini ti denunciano alle autorità dicendo che hai negato loro un servizio e una attenzione dovuta. "

Manuel, il tassista, mi ha detto che sua figlia era un medico. Era triste che qualcuno così intelligente e impegnato come sua figlia non avrebbe mai avuto una vita decente. "Con il titolo di medico e $ 40 non può mantenerti da solo.Devo aiutarla con cibo e vestiti, da sola non ce la fa.E lei è un dottore! I medici non possono vivere qui.Dove avrebbero ad abitare?Che cosa possono comprare con quella somma di denaro? Come possono mantenersi? Non ce la fanno a sopravvivere con quel lavoro!"

http://blog.victimsofcommunism.org/cubas-doctor-dilemma/

Tags: Cuba Fidel Castro

propaganda comunista
clima culturale