• Il libro nero del comunismo
  • Evoluzione del comunismo
  • Evoluzione del comunismo
  • Evoluzione del comunismo

Alcuni libri per capire cos'è stato il comunismo

50 anni di socialismo a Cuba

Cuba: un esperimento fallito

Se vi siete mai chiesti come possa diventare una nazione dopo 50 anni di totale controllo statale dell'economia avete solo bisogno di fare un viaggio a Cuba, cosa che io ho fatto la scorsa settimana. La storia Cuba è una storia con ramificazioni politiche infinite, sia per coloro che sono rimasti che quelli che hanno abbandonato l'isola. Le conseguenze economiche di 50 anni di ideologia totalitaria ed egualitaria dell'esperimento socialista sono oggi evidenti.

Cuba è un paese bellissimo pieno di molte persone amichevoli, che hanno vissuto in povertà e di privazione per decenni. Il socialismo nella sua forma più pura, semplicemente non ha funzionato. Mi sono subito tornato alla mente il vecchio detto: " Il capitalismo è l'ineguale distribuzione della ricchezza - ma il socialismo è l'equa distribuzione della povertà".

I magnifici edifici storici si stanno letteralmente sbriciolando. Intonaci cadenti, pareti e scale che cadono a pezzi, perché non ci sono incentivi per mantenere la loro proprietà. Non vi è alcuna possibilità di fare profitto conservando e ristrutturando le vecchie abitazioni perché ogni iniziativa economica è preclusa.

La popolazione dipende dal governo per tutto: l'istruzione, la salute, il cibo e l'occupazione. Ma l'economia è frenata da una massa di controlli e permessi burocratici, che soffocano ogni crescita economica a Cuba.

Il turismo degli europei e dei canadesi (che devono utilizzare i servizi pubblici in dotazione) porta in un certo reddito, ma non abbastanza per governare il paese o mantenere la sua bellezza storica. Eppure la volontà del popolo è evidente e molti fanno del loro meglio per far crescere le piccole imprese e migliorare la propria situazione.

Cosa funziona e cosa non funziona a Cuba

Le poche cose che brillano all'Avana sono le molti Chevrolet e Ford, pre-1959. Ben tenute e utilizzate come taxi per fare soldi dai quei "mini-capitalisti" che le possiedono. Sono tenute in funzione dall'ingegno, con parti di motore di altre marche. Fanno guadagnare un certo reddito ai loro proprietari: fino a 30 CUC per ora per un giro turistico. (CUCS sono la valuta cubana utilizzata dai turisti, che ha un tasso di cambio fisso di 87 CUCS per 100 dollari USA. Con lo sconto del 13 per cento versato dai cambia valuta al governo come una tassa allo Stato.

La maggior parte delle persone (il 70 per cento della popolazione), tra cui medici e avvocati lavorano per il governo, in posti di lavoro garantiti. Cuba è ben nota per il suo sistema di formazione medica, e come nazione esportatrice di medici a paesi come il Venezuela. Quei lavori vengono dopo due anni di servizio nazionale obbligatorio (tre per le donne) e, per gli uomini, due anni di servizio militare.

Uno dei migliori posti di lavoro è in una fabbrica di sigari. I lavoratori guadagnano di più rispetto alla maggior parte dei medici e avvocati, che possono guadagnare circa 60 CUCS al mese. Le sigaraie guadagnano circa lo stesso, possono portare a casa cinque sigari al giorno - lavorano meno ore e godono di due mesi di vacanza.

La "Revolucion" ha portato l'istruzione gratuita, assistenza medica gratuita e posti di lavoro per tutti. Ma a quale costo per il paese? Ogni cubano ottiene buoni di razionamento per l'acquisto a basso costo di cibo in magazzini sovvenzionati dallo stato. Quello che ho visitato sembrava un magazzino vuoto, con poca merce sugli scaffali. Sono concesse cinque uova al mese, e i razionamenti coprono a mala pena una vita di fame. Con i piccoli redditi extra ci si approvvigiona sul mercato di quel poco che è possibile reperire.

La speranza per il futuro di Cuba

Eppure lo spirito imprenditoriale sopravvive. I posti migliori per mangiare sono i ristoranti nelle case private, noti come "paladars." Lì, in edifici che ospitano anche tre generazioni della famiglia (nessuno può permettersi di uscire), i salotti e sale da pranzo sono stati trasformati in esperienze culinarie creative. I proprietari si riforniscono di cibo dai mercati locali, e il menu cambia ogni giorno a seconda di ciò che è disponibile reperire. Nonostante ciò i pasti sono deliziosi.

Sarete accolti con un daiquiri o un mojito a base di rum cubano con il padrone di casa che vi chiede di lasciare un buon rating su TripAdvisor! Anche se l'accesso cellulare è costoso, si vedono un sacco di smart phones.

La Revolucion

La sanguinosa "Revolucion" del 1959 ha espropriato i beni delle imprese americane e dei cittadini cubani ricchi. Si liberarono del leader Fulgencio Batista (colluso con la mafia), che garantiva la corruzione, il gioco d'azzardo e permetteva ai ricchi di vivere vite privilegiate. Ma la politica estera ed economica americana non ha mai perdonato le azioni brutali di Fidel Castro, il fratello Raul e Che Guevara - eroi della Rivoluzione.

Sarà la storia a decidere se le intenzioni dei rivoluzionari fossero migliori, ma i risultati economici di 50 anni di dottrina socialista hanno portato il paese nell'abisso. Cuba divenne un protettorato della vecchia Unione Sovietica (ricordate la crisi dei missili a Cuba?), e la situazione ha retto fino ai primi anni 1990, quando l'Unione Sovietica si è dissolta.

Non ricevendo più gli aiuti dal suo protettore, Cuba entrò in un lungo periodo ora ricordato come "i momenti speciali" - quando la popolazione era sull'orlo della carestia, quando c'era energia elettrica solo due ore al giorno. I cubani portano le cicatrici di quel periodo terribile, e per molti la situazione attuale non è ancora molto meglio.

Solo di recente, sotto il presidente Raul Castro (che sarà presumibilmente in pensione nel 2018), ai cubani è stato permesso di possedere i loro appartamenti (a un prezzo stabilito e tassato dal governo). Ma anche se i residenti possono possedere gli appartamenti, il governo è responsabile della struttura, degli impianti idraulici ed elettrici.

Ecco, questo è quello che Cuba appare al giorno d'oggi. Molti sperano che il miglioramento delle relazioni con gli Stati Uniti aiuterà la loro economia. La notizia che le navi da crociera degli Stati Uniti stanno facendo richiesta per potersi fermare nel porto dell'Avana ha destato molto entusiasmo. Ma vi è ancora il blocco americano. Significa che Cuba deve importare il riso da un altro stato socialista: il Vietnam. Che ironia: gli Stati Uniti hanno combattuto una guerra in Vietnam che costò la vita a tanti giovani della mia generazione. Oggi il Vietnam ha un'economia fiorente, è un forte esportatore verso gli Stati Uniti di abbigliamento e altri beni, ed è una destinazione turistica. Ma Cuba sta ancora pagando per i peccati della sua rivoluzione. La mia convinzione è che per gli Stati Uniti la migliore politica economica sia il commercio: il commercio equo, che non solo arricchisce entrambi i lati della transazione, ma crea la crescita economica e una classe media in crescita nei paesi con i quali abbiamo gli scambi commerciali. Siamo riusciti a farlo con i nemici precedenti, che vanno dal Giappone al Vietnam, dalla Russia all'Iran. È giunto il momento di porre fine all'embargo contro Cuba.

(Terry Savage è un consulente di investimento registrato e autore di quattro libri best-seller, tra cui "The Savage verità su soldi." Terry risponde alle domande sul suo blog all'indirizzo TerrySavage.com.)

Tags: Cuba, Fidel Castro, Che Guevara, Raul Castro

propaganda comunista
clima culturale