• lo stato contro il suo popolo
  • lo stato contro il suo popolo
  • Il libro nero del comunismo

Alcuni libri per capire cos'è stato il comunismo

Le rovine di un campo di prigionia russo

Le rovine di un campo di prigionia russo per l'estrazione dell'uranio

Fotografie di una spedizione di ricercatori del museo che cercano di catalogare il Gulag sovietico prima che scompaia - 21:46, 14 agosto 2017 Fonte: Medusa

Il 12 agosto, il Museo di storia del Gulag di Mosca ha completato una spedizione nella regione di Magadan, dove i ricercatori hanno catalogato i resti del campo di prigionia “Butugychag”. A partire dalla metà degli anni '40, i detenuti di questa struttura estrassero e arricchirono l'uranio utilizzato per creare armi nucleari sovietiche. Meduza pubblica le foto di questa spedizione, insieme a un resoconto dell'esploratore capo, Roman Romanov, direttore del Museo di storia del Gulag di Mosca.

Roman Romanov
La ricerca da parte dell'URSS di giacimenti di uranio iniziò nel 1945, dopo la guerra. A partire dalla fine degli anni '30, Butugychag era stato il sito di diversi campi di prigionia nel Dalstroy, o "Far North Construction Trust", dove i detenuti estraevano minerale di cassiterite e stagno. Alcuni ricercatori ritengono che i funzionari sovietici abbiano concentrato la loro ricerca di uranio in questa regione perché il denso metallo radioattivo si trova spesso vicino ai depositi di cassiterite. Alla fine, l'uranio è stato scoperto in tre luoghi: Yakutia, Chukotka e la regione di Magadan. Il governo sovietico ha prontamente assegnato uomini e risorse per l'estrazione e l'arricchimento di questo minerale.

Il nostro obiettivo principale è descrivere i campi sopravvissuti e utilizzare tutti i mezzi tecnologici disponibili per catalogare le loro strutture. Queste prigioni stanno gradualmente crollando e scomparendo. Questa eredità si sta perdendo e dobbiamo suonare l'allarme e cercare di salvare ciò che possiamo. Ecco perché stiamo agendo il più accuratamente possibile per scansionare tutte le strutture ancora in piedi. Filmiamo i campi da un drone, scattando mille foto. Otteniamo una mappa molto precisa e realizziamo modelli 3D degli edifici del campo. Inoltre, fotografiamo tutto dall'interno - i graffiti, il layout e altri dettagli - per i tour virtuali, in modo che le persone online possano vedere tutto nei panorami.

Durante la spedizione, abbiamo ottenuto un libro di memorie da un operatore di bulldozer, in cui ha scritto di come negli anni '60 gli fosse stato ordinato di distruggere i resti del campo, di frantumare fino all'ultima tavola di legno. Non avevo mai visto prove come questa prima. Si è ipotizzato che i campi fossero stati demoliti intenzionalmente, ma molte persone pensavano che fossero crollati da soli. Tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, ci fu un'ondata di ricerche di metalli non ferrosi e molte persone vennero in luoghi che un tempo erano campi di prigionia. I vecchi edifici in legno sono stati bruciati, oppure sono andati in pezzi gradualmente e sono scomparsi. Anche se si confrontano le rovine odierne con quelle che esistevano tre o quattro anni fa (quando alcuni edifici erano ancora in discrete condizioni e si potevano ancora trovare le iscrizioni lasciate dai prigionieri sui muri), la situazione ora è molto peggiore.

Un altro scopo della nostra spedizione era raccogliere materiali per ottenere lo stato di conservazione di questi siti. C'è un precedente per questo: a seguito di una spedizione a Chukotka nel 2015, dopo aver fornito materiali e prove scientifiche, le aree che abbiamo studiato sono state aggiunte a un elenco del patrimonio storico-culturale. Questo non protegge i siti dai disastri naturali, ma almeno queste aree con gli ultimi resti dei campi non saranno affittate ai cinesi oa qualcun altro, come a volte succede. Quando ciò accade, i locatari possono fare quello che vogliono con le rovine.


Guglag “Butugychag” - Kolyma
Guglag “Butugychag” - kolyma

La disposizione del campo di prigionia "Butugychag". L'autore è Inna Vasilevna Gribanova, ricercatrice, storica locale e autrice di libri sulla storia della regione. È anche l'ideatrice di una spedizione museale nel villaggio di Ust-Omchug.

Il clima vicino al fiume Kolyma è rigido, freddo e raramente soleggiato. L'estate dura solo due miseri mesi all'anno. La nostra squadra è stata molto fortunata con il tempo, anche se abbiamo svolto tutto il nostro lavoro di preparazione al campo a giugno sotto una forte pioggia. Senza il sole, tutto è diverso. I prigionieri hanno lavorato in queste condizioni assolutamente disperate per anni e anni. Anche gli alberi lì sono piccoli e sottili, come se lì non ci fosse abbastanza vita per loro. Non puoi ancora entrare in alcuni degli edifici del campo, a causa delle radiazioni.

I visitatori di Butugychag fotografano spesso il grande mucchio di scarpe consumate che apparteneva ai detenuti. Su alcune scarpe, pezzi di vecchi pneumatici sono inchiodati alle suole. Invece dei lacci delle scarpe, usavano fili o corde. Anche le scarpe chiariscono quali condizioni le persone un tempo vivevano qui. Oggi, ci sono meno scarpe nel mucchio rispetto a prima. I turisti hanno portato a casa dei souvenir.

Durante la nostra spedizione, abbiamo trovato diversi oggetti di uso quotidiano e attrezzature di lavoro che non hanno lasciato dubbi sulle difficoltà della vita in questo campo, come quello che era un piccone o una mazza che era stato appiattito come una frittella. Abbiamo trovato un cucchiaio con inciso il cognome e il numero del prigioniero. E abbiamo trovato un altro cucchiaio, fatto in casa, non dissimile da quello in mostra al Museo Butyrka. Il direttore di questo museo dice che questi cucchiai sono stati fabbricati solo in quella prigione. I detenuti hanno cercato di tenere questi cucchiai, portandoli con sé ogni volta che venivano trasferiti in un posto nuovo. Questi oggetti - pale fatte in casa, mazze, palanchini e picconi - sembrano strumenti antichi. Tutto ciò che abbiamo trovato sarà presentato in una nuova mostra dal Museo di Storia del Gulag.

Non esiste una data definitiva che segni la fine del campo di prigionia di Butugychag. Abbiamo trovato un cimitero ricoperto di vegetazione con 200-250 tombe. Secondo le memorie scritte dai detenuti, le condizioni in questo campo erano dure, ma i prigionieri qui venivano nutriti meglio della maggior parte. Il campo ospitava all'inizio circa 200 detenuti e la popolazione dei prigionieri raggiunse circa 2.000 dopo la guerra, ma i dati sono piuttosto speculativi, a causa dell'estrazione dell'uranio e del fatto che molte delle informazioni su Butugychag erano riservate. In molte mappe del Gulag, l'impianto di arricchimento dell'uranio qui è identificato come base agricola.

Nel 2015, il governo ha adottato la sua "Politica statale sulla commemorazione delle vittime della repressione politica", condannando i tentativi di giustificare l'oppressione sovietica di massa. Affinché questo sia più di un foglio di carta, tuttavia, la necessaria volontà politica deve prima concretizzarsi e radicarsi in Russia.

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Gulag - Kolyma - Butugychag - Uranio

Tags: Kolyma, Gulag

propaganda comunista
clima culturale