Il 1° maggio, ricorda che il Socialismo è schiavitù

Il 1° maggio, ricorda che il Socialismo è schiavitù

Un anno fa, un attivista di nome Daniel Llorente ha interrotto la marcia della Giornata dei lavoratori a L'Avana, a Cuba. Indossando la maglietta con la bandiera cubana, Llorente sventolo' la bandiera americana e corse davanti alla processione piena di foto di Fidel Castro. È stato affrontato da agenti sotto copertura dello stato. Ma per un breve momento, un dissidente cubano ha sventolato la bandiera americana a L'Avana durante la celebrazione ufficiale della Rivoluzione Socialista.

Il regime cubano cerca di prendersi il merito del miglioramento della vita del proprio popolo. Ha fondato la sua legittimità sulla presunta emancipazione e sul benessere della classe operaia. Ma il regime cubano ha mostrato il suo vero volto facendo tacere Llorente e migliaia di altri dissidenti cubani. I regimi socialisti opprimono proprio i lavoratori che affermano di rappresentare.

Quando la Conferenza Socialista Internazionale dichiarò il 1° maggio "International Worker's Day nel 1898", chiedeva leggi sul lavoro minorile, miglioramenti delle norme salariali e di sicurezza e reclamava il diritto dei lavoratori di formare proprie organizzazioni indipendenti che li potessero tutelare. Ma abbracciando le teorie di Karl Marx, i primi socialisti minarono le loro stesse aspirazioni.

Lungi dall'avere inaugurato una società più equa, i movimenti socialisti che aderivano all'ideologia marxista generarono una nuova forma di schiavitù nel mondo moderno. Nell'URSS, il lavoratore non entusiasta era considerato un "sabotatore controrivoluzionario" il che lo portava spesso ad essere imprigionato in Gulag dove spesso era destinato a morire. Ogni volta che una fabbrica o un raccolto non soddisfacevano le quote assegnate arbitrariamente dal regime, i lavoratori venivano accusati di sabotare la rivoluzione. Quando il raccolto ucraino del 1932 fu carente, dopo che Stalin ebbe collettivizzato le fattorie, i contadini e gli operai vennero incolpati e costretti a morire di fame in massa. Milioni di morti. [si veda Holodomor - genocidio ucraino e Holodomor - sterminio per fame]

L'ideologia marxista è ancora utilizzata per controllare più di un miliardo di persone in tutto il mondo. La Cina, dove Xi Jinping ha appena proclamato la continua rilevanza del Manifesto comunista, continua a usare un sistema di Laogai, o campi di lavoro forzato, dove la classe operaia può vivere e lavorare sulla base di un sistema di "credito sociale".

Il regime socialista venezuelano ha nazionalizzato i mezzi di produzione. L'esercito venezuelano gestisce i negozi di alimentari mentre Nicolas Maduro nega aiuti alimentari umanitari ai suoi oppositori politici. Il venezuelano medio ha perso più di 10kg di peso nell'ultimo anno. I millennial americani, che giustamente si indignano per l'avidità e la disumanità che a volte caratterizzano alcune dalle multinazionali, devono ricordare che i diritti dei lavoratori non sono migliorati grazie al socialismo internazionale.

I lavoratori sono veramente emancipati in una società libera perché i datori di lavoro e gli impiegati sono in grado di negoziare tra loro secondo la legge. In un sistema socialista in cui il regime possiede i mezzi di produzione, il proprietario, manager, datore di lavoro-apparatchik è la legge. I lavoratori che richiederebbero un trattamento migliore devono affrontare la repressione, il carcere o peggio. Sebbene Cuba abbia ratificato tutte le convenzioni internazionali sul lavoro contro condizioni di lavoro forzate, umilianti e pericolose, "non riesce a rispettarle", scrive l'AFL-CIO.

Il regime cubano ha recentemente bandito tutti i sindacati indipendenti. La superiorità del lavoro indipendente sul comunismo era nota agli operai del cantiere navale di Danzica, in Polonia, quando fondarono il sindacato Solidarnosc. Con il sostegno degli Stati Uniti, Solidarnosc ha contribuito a far cadere il comunismo nell'Europa orientale. Se il 1 ° maggio riguarda davvero i lavoratori, allora non celebrare il socialismo. Festeggia la libera impresa che consente ai lavoratori di prosperare. Celebriamo una società libera in cui gli individui siano in grado di perseguire i loro sogni, provvedere alle loro famiglie e contrattare collettivamente. Per i dissidenti come Daniel Llorente che vogliono la libertà e la prosperità, la bandiera americana simboleggia la speranza.

L'America manifesta le più nobili tradizioni occidentali di libera e onesta impresa. In questo 1 ° maggio, gli americani farebbero bene a ricordare che il socialismo non è la migliore speranza per i lavoratori, è la loro definitiva schiavitù.

Marion Smith è direttore esecutivo della Victims of Communism Memorial Foundation a Washington, DC

Tags: Gulag, Stalin, Marx, Cina, Cuba, Fidel Castro, Laogai, Holodomor, Vittime del comunismo, Ucraina, Venezuela

propaganda comunista
clima culturale