• Il libro nero del comunismo
  • Evoluzione del comunismo
  • Evoluzione del comunismo
  • Evoluzione del comunismo

Alcuni libri per capire cos'è stato il comunismo

L'Ungheria onora le sue 700.000 vittime dei campi di lavoro sovietici

BUDAPEST, Ungheria 13 maggio 2015 - Karoly Miklosi si stava recando al lavoro in stamperia nel febbraio del 1945, quando i sovietici lo acchiappò per il lavoro degli schiavi. I russi iniziarono a prendere i diciottenni prima in Romania, poi in Ucraina, per quello che gli ungheresi chiamavano "malenky robot", una traduzione distorta delle parole russe per "lavori umili".

Karoly Miklosi trascorse i successivi tre anni come prigioniero sovietico, scavando fossati, mietendo il grano, e smantellando fabbriche. L'Ungheria quest'anno commemora le circa 700.000 vittime civili e militari che 70 anni fa sono state deportate dai comunisti e spedite nei Gulag, i campi di lavoro forzati dell'Unione Sovietica.

Si stanno tenendo conferenze storiche, mostre d'arte, eventi educativi, e commemorazioni in alcuni dei luoghi in Ungheria, dove i prigionieri furono rastrellati. Circa 300.000 dei deportati non è più tornato dai Gulag. L'argomento tabù durante l'era comunista - ha ricordato Maria Schmidt, uno storico che dirige il "Museo del Terrore" nella capitale ungherese, Budapest Ungheria. Con la fine dell'era comunista, avvenuta nel 1990, è ora possibile parlarne apertamente.

In tutto, dicono gli storici, le autorità sovietiche hanno spedito nei Gulag 15 milioni di persone nel ventennio che va tra il 1930 e il 1950. "La gente che veniva arrestata non realizzava subito di essere stata destinata al lavoro schiavistico nell'Unione Sovietica. Veniva loro detto che era stata reclutata per piccoli lavori e credeva di far ritorno a casa dopo poche ore. Spesso trascorsero invece quatto o cinque anni nei gulag e molti tornarono a casa." Nel disperato tentativo far sapere alla sua famiglia che cosa era successo, Miklosi gettò una lettera dal treno che lo stava portando al campo di lavoro. Una foto di quella lettera è parte di una mostra presso la Casa del Terrore. Miklosi tornò a casa solo il 13 dicembre 1947, dopo che sua padre lo aveva rintracciato attraverso la Croce Rossa Internazionale. "L'obiettivo dell'anno della memoria è quello di richiamare l'attenzione sul fatto che la sofferenza del popolo ungherese non si è conclusa con la fine della seconda guerra mondiale", ha detto Schmidt.

"Quando l'Armata Rossa attraversò il confine ungherese, subito cominciò ad arrestare quelli che i russi ritenevano che potressro essere politicamente pericolosi. Tra questi prigionieri di guerra, quelli arrotondati per motivi politici, quelli di origine tedesca o con nomi tedeschi e civili catturati a caso. " Dopo la sua cattura, Miklosi dichiarò ai funzionari di essere nato nel 1927, nella speranza di ingannare i sovietici e far credere di non essere ancora maggiorenne. Lo stratagemma fallì, perché i sovietici lo teneva comunque, e poi la Croce Rossa faticò maggiormente a rintracciarlo perché cercava qualcuno con lo stesso nome tra i nati nel 1926. Infine, l'identità di Miklosi è stata confermata ed è stato mandato a casa.

"Non mi lamento, perché ero giovane", ha detto Miklosi, che ancora ricorda di essere stato costantemente affamato e con la nostalgia di casa. "Quelli in difficoltà erano quelli con moglie e figli. Al terzo anno avevano perso la testa. Io ho potuto sopportare il ritmo. Mi ha temprato." Durante i suoi 34 mesi di prigionia, Miklosi visse in diverse caserme e sopportò temperature di meno 30 gradi Celsius (meno 22 gradi Fahrenheit). È stato costretto a fare lavori come la pulizia dei fossi in un frutteto di mele, lo smantellamento di una fabbrica di zucchero soffiato e la raccolta del grano con una falce. Coloro che hanno cercato di scappare sono stati picchiati e spesso uccisi.

"L'Unione Sovietica ha perso 26 milioni di persone nella seconda guerra mondiale", ha detto Schmidt. "Serviva manodopera per ricostruire il paese, per questa ragione i sovietici deportarono centinaia di migliaia di persone dall'Ungheria per utilizzarle come schiavi." [A molti soldati dell'Armata Rossa ando' anche peggio: fatti prigionieri dai tedeschi, una volta che vennero liberati a guerra finita, furono accusati di tradimento dai russi e spediti nei peggiori gulag. La maggior parte non fece ritorno a casa. NDR]

Ora a 88 anni, Miklosi, che in seguito divenne un fotografo è un pittore, passa i pomeriggi su uno sgabello in una stazione ferroviaria di Budapest, vendendo la sua autobiografia.. "Sto vendendo il libro da quasi 10 anni. Almeno 3.000 insegnanti l'hanno comprato", ha detto Miklosi, il cui obiettivo principale era far conoscere ai suoi cinque nipoti le sue esperienze del campi di lavoro.

http://www.theblaze.com/the-wire/33114019/hungary-honors-its-700000-victims-of-soviet-labor-camps/

 

Tags: Ungheria, Gulag, URSS

propaganda comunista
clima culturale