Molotov

Molotov: Molotov Pseudonimo di Vjaceslav Michajlovič Scrjabin (Kukarka 1890 - Mosca 1986), rivoluzionario russo, uno tra i più importanti funzionari sovietici durante l'epoca di Stalin. Si avvicinò al movimento bolscevico nel 1906, e da allora si fece chiamare Molotov (che in russo significa "martello").

Nel 1912 fondò con Stalin il giornale "Pravda", ma nello stesso anno venne deportato in Siberia dal governo zarista; pochi anni dopo riuscì a scappare e nel 1917 partecipò alla Rivoluzione russa.

Dopo l'ascesa dei bolscevichi al potere, rivestì alte cariche all'interno del Partito comunista: stretto collaboratore di Stalin, fu dapprima segretario del Comitato centrale del partito e in seguito membro del Politburo; dal 1930 al 1941 fu presidente del Consiglio dei commissari del popolo e nel 1939 come ministro degli Esteri negoziò il trattato di non-aggressione con la Germania, noto come patto Molotov-Ribbentrop.

Dal 19 dicembre 1930 al 9 maggio 1941, fu Presidente del Consiglio dei Commissari del Popolo, ruolo in base al quale agì come formale capo dell'esecutivo dell'Unione Sovietica. Molotov diresse la collettivizzazione forzata dell'agricoltura contro i kulaki , con la successiva carestia (Holodomor - sterminio per fame), ma anche, assieme al commissario del popolo all'industria Lazar Kaganovič (anche lui fedele alleato di Stalin), il primo, il secondo e il terzo Piano quinquennale di industrializzazione, inclusa l'industria degli armamenti che si sarebbe rivelata decisiva nella seconda guerra mondiale. Le purghe degli anni trenta (dal 1934 al 1938), in cui fu giustiziata la maggior parte dei dirigenti bolscevichi della generazione di Stalin, vide Molotov attivamente coinvolto (in totale adesione alla linea staliniana) come membro del Politburo, ma non come capo dell'esecutivo. Dopo le purghe fu opinione comune che Molotov fosse il vice di Stalin e il suo successore, ipotesi che Molotov, temendo per la sua vita, fu molto attento a non incoraggiare.

Durante la seconda guerra mondiale fu vicepresidente del Comitato di stato per la Difesa. Mantenne la carica di ministro degli Esteri fino al 1949, e come tale fu a capo della delegazione sovietica alla conferenza di San Francisco, durante la quale venne fondata l'Organizzazione delle Nazioni Unite (1945); rappresentò l'URSS nelle conferenze di Teheran, Jalta e Potsdam, dove si delineò la divisione mondiale nei due blocchi di influenza sovietico e occidentale.

Dopo la morte di Stalin (1953), fu ministro degli Esteri fino al 1956. Membro del Presidium del Comitato centrale, si schierò contro Nikita Kruscev, ma nel 1957 dovette dimettersi dalle cariche governative.

Fu nominato ambasciatore in Mongolia (1957-1960) e rappresentante dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica a Vienna (1960-1962). Espulso dal partito nel 1964, vi fu riammesso solo nel 1984.

Tags: Molotov

propaganda comunista
clima culturale