Kruscev

Kruscev

Kruscev, Nikita Sergeevič (Kursk 1894 - Mosca 1971), uomo politico russo, segretario del Comitato centrale del Partito comunista sovietico (1953-1964) e primo ministro dell'URSS (1958-1964).

LA CARRIERA POLITICA DI NIKITA KRUSCEV

Arruolatosi nell'esercito zarista, partecipò alla prima guerra mondiale, ma allo scoppio della Rivoluzione russa militò nelle file dei bolscevichi e in seguito aderì al Partito comunista. Nel 1918 Krushev entrò nell'Armata Rossa e per i successivi due anni prese parte attiva alla guerra civile. Nel 1934 Krushev fu nominato membro del Comitato centrale del partito e dal 1935 al 1937 svolse l'incarico di primo segretario del Comitato regionale moscovita, dirigendo il programma di industrializzazione del secondo piano quinquennale. Nel 1939 fu chiamato da Stalin a far parte del Politburo, e divenne membro del Presidium del Soviet Supremo. Durante la seconda guerra mondiale Krushev diresse l'attività del partito sui fronti meridionali e dopo che le truppe tedesche vennero allontanate dal territorio ucraino si occupò della ricostruzione delle repubbliche sovietiche colpite dalla guerra. Nel 1949 tornò a Mosca, dove entrò nella segreteria del partito; alla morte di Stalin (1953), Krushev dopo aver liquidato Berija, divenne primo segretario del Comitato centrale del Partito comunista, la carica più importante all'interno del partito.

NIKITA KRUSCEV: LA DESTALINIZZAZIONE

Nel 1956, con il XX congresso del PCUS, Kruscev diede l'avvio al processo di destalinizzazione nel paese e nel 1957 allontanò molti dei collaboratori di Stalin. In questa stessa ottica di abbandono delle posizioni staliniane si inserisce la spaccatura che si creò nel 1960 fra il PCUS e il Partito comunista cinese, guidato da Mao Zedong. Quando Nikolaj Bulganin si dimise dalla carica di primo ministro dell'Unione Sovietica (1958), Kruscev gli subentrò, assumendo le due cariche principali di governo del paese. Sotto la direzione di Nikita Kruscev le persecuzioni religione e la distruzione delle chiese, ripresero nuovo slancio.

DI NIKITA KRUSCEV: IL DISGELO CON L'OCCIDENTE

Dopo aver rafforzato i legami con le "democrazie popolari" mediante il patto di Varsavia, si adoperò per creare un clima di distensione con l'Occidente, che si concretizzò negli incontri di Camp David (1959) e di Vienna (1961) con i presidenti degli Stati Uniti Eisenhower e John F. Kennedy. Questo "nuovo corso", improntato al principio della "coesistenza competitiva", venne brevemente interrotto dalla crisi cubana dei missili (1962) che creò un momento di forte tensione, risolto infine con la decisione di Kruscev di smantellare le basi missilistiche sull'isola. Sul piano interno, la sua politica riscosse pesanti critiche dalle alte gerarchie del partito; accusato di aver contribuito alle disfunzioni dell'economia e di aver favorito il "culto della personalità", nel 1964 venne forzato a dimettersi; due anni dopo fu estromesso dal Comitato centrale del partito.

Tags: Kruscev

propaganda comunista
clima culturale