• lo stato contro il suo popolo
  • lo stato contro il suo popolo
  • lo stato contro il suo popolo

Tufta: fare finta di lavorare

"Tufta": fare finta di lavorare - Non è facile spiegare con precisione che cosa fosse la tufta, parola che grosso modo vuoi dire "truffare il capo". Si tratta di una pratica talmente radicata nel sistema sovietico che non sarebbe corretto considerarla un'esclusiva del Gulag.

E non era nemmeno un'esclusiva dell'URSS. Un tempo il proverbio di epoca comunista "loro fanno fìnta di pagarci e noi facciamo finta di lavorare" era diffuso in molti paesi aderenti al patto di Varsavia.

I prigionieri che non hanno potuto evitare i "lavori generici" avevano bisogno di imparare a barare per sopravvivere alle durissime condizioni di lavoro in miniera o di tagliaboschi nelle foreste. I funzionari esercitavano una costante pressione sui prigionieri per obbligarli a produrre una determinata quota del lavoro (metri cubi di minerale, numero di tronchi abbattuti ecc). La direzione del lager assegnava delle quote di lavoro impossibili da raggiungere dato il clima, gli attrezzi forniti e sopratutto le poche calorie del cibo. Così, i prigionieri ricorrevano a molti modi ingegnosi per ingannare sulle loro quote: una pratica denominata tufta.

Evgenija Ginzburg fa un esempio di "tufta" nelle foreste. "Questa foresta è piena di cataste di legname tagliato da precedenti squadre di lavoro. Nessuno ha mai contato quante ce ne sono ... Se avete visto una piccola sezione a ciascuna estremità, sembra come se la legna sia stata appena tagliata. ... [..] siamo andati a prendere alcuni dei vecchi tronchi, 'rinfrescata' loro estremità in modo che sembrasse una nuova catasta. Questo trucco, che abbiamo battezzato 'rinfrescare i panini' per il momento ci ha salvato la vita.

Tags: Tufta, CGIL

propaganda comunista
clima culturale